Cerca nel blog

giovedì 19 luglio 2012

Basta con i privilegi della casta: andiamo a firmare per fare il referendum

Dopo il post precedentemente dedicato all'argomento, mi permetto di fare ancora un appello, rivolto a chi mi segue e non solo.

E' il momento di darsi da fare per una sorta di spending review automatica, giusta e sacrosanta, “fatta in casa”, che parte da chi è stufo di avvallare i privilegi della casta. La corsa contro il tempo per la raccolta firme atta a tagliare parte dei rimborsi d'oro ai parlamentari continua, ma in troppi Comuni italiani mancano i moduli per raccogliere le firme dei cittadini.

Finora si è a quota 200.000, mentre per rendere operativo il referendum occorrono 500.000 firme.

Vale la pena ricordare che le firme si raccolgono per validare il referendum che serve ad abrogare l’articolo 2 della legge 1261 del 1965 che disciplina le indennità spettanti ai membri del Parlamento che, nello specifico, definisce i compensi relativi alla diaria ed alle spese di soggiorno a Roma dei parlamentari stessi. Considerando che gli attuali rimborsi ammontano a 3.503, 11 centesimi di euro cadauno, abrogare quell'articolo equivale ad un risparmio di 48 mila euro all'anno per ogni singolo deputato o senatore.

Forza! E' un taglio che val bene una capatina in Comune per la vostra firma entro il 27 luglio.

Nessun commento:

Posta un commento

Se passi a trovarmi, lascia un commento. Grazie.