Cerca nel blog

mercoledì 18 luglio 2012

Braccialetti Macramè: tormentone dell'estate 2012

Si sa, ogni estate ha il suo tormentone. E' quest'anno il tormentone è rappresentato dai braccialetti Macramè. Ecco come la pubblicità li definisce:
“Colorati, easy e divertenti, rappresentano il Must Have della nuova Summer '12”.
Certo ormai si parla solo “Itangliano” dato che su otto parole, la metà sono in inglese. In ogni caso questi braccialettini con farfalle, cuoricini, quadrifogli, stelle marine e chi più ne ha più ne metta, sono veramente simpatici e, manco a dirlo, indossati anche dai vips, sono spacciati per il portafortuna dell'estate, quindi tutti da collezionare. Esistono anche in versione multicolore ed arricchiti con Strass.
Ed eccoci al problema: ancora una volta siamo dei semplici “replicanti”, dei maniaci seriali, anche negli accessori, incapaci di essere un po' originali.



Il macramè, infatti, è una tecnica abbastanza semplice da padroneggiare per realizzare un merletto a nodi e quindi un bracciale personalizzato e non solo, utilizzando lana, seta, cotone, juta, canapa.
Di origine araba, il suo nome deriva, secondo alcuni, dalla fusione di "mahrana" frangia e "rame" nodo, caratteristica di questo lavoro che è l'arte di creare degli ornamenti intrecciando ed annodando una serie di fili. Sempre in arabo "mahramatun" significa fazzoletto da tasca e in turco "mahrama" indica genericamente ogni tipo di fazzoletto.
Tale lavorazione giunge in Italia intorno al 1400, forse portata da marinai imbarcati sui velieri obbligati durante le lunghe traversate ad ore di ozio forzato mettendo in pratica questa tecnica imparata in Arabia o forse dai crociati di ritorno dalla Terra Santa importatori di manufatti che in seguito le donne avrebbero ricopiato.
In ogni caso, passato dalle mani maschili a quelle femminili, il macramè si raffina usando fili sempre più sottili fino a diventare una trina preziosa e sviluppandosi intorno al XVI-XVII secolo dapprima nei conventi e nei monasteri di tutta Italia. Ma furono le donne liguri e soprattutto di Chiavari (dove si distingue Maria Picchetti che inventa nuovi nodi e arricchisce gli ornamenti) a sviluppare e fare propria questa tecnica, trasformandola in ornamento per asciugamani, lenzuola e tovaglie tanto preziosi che andavano a far parte dei corredi da sposa e degli arredi ecclesiastici.
Con l'emigrazione fu portato un po' ovunque arrivarono i liguri, in particolar modo nei Paesi dell'America meridionale. Nel 1680 si ha notizia di un certo Giuseppe Perazzo che commercializzava a Costantinopoli il macramè di Chiavari che in quel periodo era prodotto praticamente da tutte le famiglie della costa e dell'entroterra. Di mano in mano, da madre a figlia, questo pizzo si è arricchito secondo la fantasia delle sue creatrici, racchiuso in un'industria tipicamente familiare.
Nel 1913, Margarete Naumann ha creato una nuova tecnica che porta il suo nome " Merletto Margarete"; la caratteristica principale della sua tecnica consiste nel raccogliere qualsiasi numero di fili in fasci in modo da ottenere forme tridimensionali, con ogni prospettiva. Però questa tecnica non ebbe modo di svilupparsi, se non grazie ad Adriana Lazzari, già insegnante di macramè, che si è dedicata allo studio di questo pizzo antico e che lo trasmette con gran piacere a chiunque ne faccia richiesta.

A tale scopo vi suggerisco di “fare un giro” sul blog di Adriana e Lucia dove c'è anche un collegamento ad un pdf “Piccola Scuola” utilissimo sia per esperte che per neofite.

Proprio casualmente ho saputo che a Castelgomberto (VI), a pochissimi chilometri da casa mia, da qualche anno è attivo il Club Arianna, un gruppo di signore guidate e coordinate da Luisa Tonello, che si è dedicato alla valorizzaione del macramè.

Molti altri blog interessanti in rete parlano di macramè e propongono tutorial:
http://noxcreare.blogspot.it/2012/07/orecchini-macrame-turchesediy.html
http://hobbyimpara.blogspot.it/p/tutorial.html
Per Punti e spunti
http://puntoypunto.myblog.it/scuola-di-macrame/
Per collane e braccialetto
http://uncinettoricamo.blogspot.it/2012/06/collana-e-braccialetti-macrame.html
C'è La cesta dei lavori di Loredana, piena zeppa di idee sul macramè
http://lacestadeilavoridiloredana.blogspot.it/
Il macramè di Sabrina http://macramemodena.blogspot.it/
Il blog Laura fa http://laura-fa.blogspot.it/
GiorgiAle creazioni in libertà
http://giogiale.blogspot.it/

E quindi, amiche mie, non c'è più nessuna scusa: tutte con cotone, corda e un tutorial sul macramè, per trascorrere l'estate in modo diverso, sviluppando un po' di manualità. E se va male non ci resta che ripiegare sui già pronti "tormentoni".

10 commenti:

  1. Tu pensa quanto sono tagliata fuori io: non sapevo di questo "must have"! Comunque sono molto carini e farò un giro per imparare...hai visto mai!?

    RispondiElimina
  2. Grazie Desi per gli appunti di storia del macramè molto dettagliati!!!...ti seguirò da centesima iscritta!

    RispondiElimina
  3. E adesso mi faccio il giro di tutti i link che hai messo.
    Grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
  4. Brava Desi, è bello farti visita perchè c'è sempre da imparare. I braccialetti macramè molto carini..
    Livia

    RispondiElimina
  5. Ho fatto un giro nel blog e lo trovo molto interessante.
    Grazie per avermi citato e ora ti seguiro' anche io.
    un saluto
    sabrina

    RispondiElimina
  6. Ciao! Grazie per aver citato il mio blog nella tua recensione alla tecnica del macramè. E soprattutto grazie per questo post: malgrado quest'anno sia di moda, molti non hanno ancora esattamente capito cosa sia il "macramè"... ora quando riceverò richieste bizzarre di spiegazioni (tipo "che stampino usi?"), manderò il link di questo post ^.^
    Grazie ancora,
    Alessndra

    RispondiElimina
  7. ...un ringraziamento per te nel mio blog: http://www.hobbyimpara.blogspot.it/2012/07/bracciale-macrame-e-raku.html

    RispondiElimina
  8. quei braccialetti sono bellissimi!
    io ho provato con il macramè, ma non mi sembra così facile.. al di là dei soliti lavoretti a spina di pesce non so fare altro e sto perdendo interesse per la mia incapacità!

    RispondiElimina
  9. It is nice to see you because there's always more to learn. The bracelets are very nice for this blog....
    Braccialetti

    RispondiElimina
  10. Ho visto solo ora il link alla mia pagina..grazie mille!!!
    Un bacio

    RispondiElimina

Se passi a trovarmi, lascia un commento. Grazie.