Cerca nel blog

mercoledì 28 agosto 2013

I HAVE A DREAM

Era il 28 Agosto di cinquanta anni fa quando il reverendo Martin Luther King tenne a Washington il più celebre discorso sull'uguaglianza di tutti gli uomini al termine di una marcia per i diritti civili dei neri a cui parteciparono 250mila persone.



Il suo "I have a dream", ripetuto evocativamente più volte per tutto il discorso, ha segnato per sempre la storia ed è diventato “simbolo” del potere delle parole, della loro capacità e della volontà di un solo uomo di cambiare le cose.
King parlava dei suoi sogni e di una nazione dove i suoi quattro figli non sarebbero stati giudicati per il colore della pelle, ma per il contenuto della loro personalità. 

Venne ucciso a soli 39 anni, pagando i suoi ideali con la vita; facciamo in modo che il suo sacrificio non sia stato inutile.

lunedì 19 agosto 2013

Chi non muore ... si rilegge!!!!!

Eccomi qua, dopo tanto tempo.
Ma non sono stata in vacanza, anzi sì', anche se di vacanze forzate si tratta ...
Si, perché a volte si cade.
E capita ahimè, con esiti più o meno positivi come la frattura al trochite della spalla destra.
Il Trochite è una sporgenza ossea sulla testa dell'omero. Si sente alcune volte parlare di testa dell'omero o del suo collo. Io non sapevo nemmeno che esistesse il trochite finchè non ho avuto questo spiacevole incontro.
Ma se cercate con google, iniziate a digitare "trochite" e straordinariamente google vi da come suggerimenti "trochite spalla dx" guarda caso proprio la mia; troverete molti risultati e capirete come sia facile rompere questo ossicino con un nome tanto roboante. Tanti risultati, tanti posts dove chi ha subito questo infortunio è semplicemente caduto da una scala,  dalla moto, dalla bici, con gli sci, mentre io mi sono semplicemente accasciata improvvisamente sul terreno del mio piccolissimo giardino, in un giorno di ferie. E non stavo nemmeno facendo del sano giardinaggio. Per la verità non stavo facendo proprio nulla.
Al pronto soccorso, dopo radiografie e visite, ho indossato uno "strumento di tortura" di un allucinante colore blu intenso ed è cominciato un calvario interminabile: difficile dormire, soprattutto se si è abituati a prendere sonno sul fianco destro, difficile anche sopravvivere di giorno data la concomitanza con alcune giornate di vero caldo, caldo che avevo sognato durante tutto l'inverno e che avevo chiamato a gran voce nei mesi piovosissimi della primavera.
Ma, c'è giustizia?
Non vedevo l'ora che arrivasse il primo controllo e poi il momento in cui ho tolto questo tutore.
E finalmente la fisioterapia!!

Per ora sono a metà strada e non posso che dire "Mamma che male"
Ce le metterò tutta.
Nel frattempo vi leggo con mooooolto piacere.