Cerca nel blog

domenica 8 marzo 2015

Erbacce buone da mangiare, un corso a Castello Quistini (Rovato - Brescia).

Domenica 22 Marzo l'Officina botanica di Castello Quistini organizza un breve corso per conoscere e riconoscere le principali infestanti presenti in natura per imparare ad utilizzarle come erbe officinali e in cucina.

Non tutte le “erbacce” sono da buttare. Alcune erbe dette “infestanti” si possono utilizzare, come altre erbe spontanee, in cucina per preparare piatti gustosi e insoliti, per salutari tisane o per bagni benefici. L'importante è saperle riconoscere. Domenica 22 Marzo dalle 14,30 alle 17,30 si terrà un corso sul riconoscimento delle piante e erbe spontanee, alcuni loro utilizzi in cucina e i diversi utilizzi fitoterapici.

In natura esiste ad esempio il "Centocchio", noto anche come "Paerina", erbacea diffusa praticamente ovunque nel nostro paese e definita come erba infestante, può essere utilizzata contro il prurito e l'eczema e viene indicata anche per disturbi come la bronchite. Un altro esempio di infestante è il "Topinambur", il cui tubero può essere utilizzato nelle insalate o aggiunto ai minestroni e possono essere utilizzate liberamente dai diabetici in quanto non contengono glucosio.
Senza trascurare le più conosciute come l' "Ortica", utilizzabile come infuso o decotto, ha grandi proprietà diuretiche e depurative, oltre essere ricca di proteine, vitamine, enzimi, e sali minerali. In cucina si può usare come verdura cotta, in minestre, risotti e cruda nelle insalate miste.
Il corso, teorico e pratico, vi permetterà di conoscere e riconoscere tra i giardini di Castello Quistini le principali varietà di infestanti presenti comunemente in tutti i giardini e prati.

La quota di iscrizione è di 30,00€. Per iscriversi ecco il link:
 http://www.castelloquistini.com/corsi/2015/corso-di-riconoscimento-delle-erbe-spontanee/

Chi è Marilena Pinti?
Marilena Pinti, naturopata ed esperta di erbe spontanee, da 24 anni gestisce una azienda agricola a Sarezzo. È specializzata sulle proprietà delle erbe selvatiche, sui lori utilizzi in cucina o nella cura della persona. Conduce una fattoria didattica con particolare attenzione all’habitat naturale del luogo. Ha studiato naturopatia secondo il metodo Costacurta/Lezaeta presso l’ACNIN di Conegliano Veneto. Ha conseguito il diploma di Operatore in Ambito Erboristico della Regione Veneto presso La Biolca di Battaglia Terme. Tiene corsi sul riconoscimento e utilizzo delle erbe spontanee ed è autrice della pubblicazione dell’Ecomuseo di Valle Trompia: “Le nostre erbe spontanee”.

sabato 7 marzo 2015

Vicenza e dintorni: che fare questo fine settimana.

Ecco qualche idea su che cosa fare durante questo fine settimana e nei prosimi giorni se siete di passaggio a Vicenza:

fino a martedì 2 giugno 2015
Mostra "Tutankhamon Caravaggio Van Gogh. La sera e i notturni dagli Egizi al Novecento" – Basilica Palladiana
La terza grande mostra allestita da Linea d’ombra in Basilica Palladiana è dedicata al tema della notte nella storia dell’arte. Promossa dalla Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza, con il Comune di Vicenza e il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona, l’esposizione accoglie 113 opere dagli Egizi al Novecento, provenienti da trenta musei e collezioni di tutto il mondo. In esclusiva per i visitatori della mostra sono accessibili la terrazza della Basilica (condizioni meteo permettendo) e la Domus dove è a disposizione un servizio bar (con obbligo di consumazione).
l'ingresso a pagamento
info: www.lineadombra.it| call center 0422 429999

fino a domenica 8 marzo 2015
Mostra di Antonio López García | Zuccaro, Puglisi, Massagrande, Lacasella – Palazzo Chiericati
La Pinacoteca civica di Vicenza ospita la mostra-evento di Antonio López García "Il silenzio della realtà. La realtà del silenzio" curata da Marco Goldin, il cui ingresso è scandito da due monumentali sculture in bronzo raffiguranti Carmen addormentata e Carmen sveglia. A distanza di quarantadue anni torna in Italia il grande artista spagnolo, con circa 40 opere realizzate dagli anni sessanta a oggi. Nelle giornate di sabato 7 e domenica 8 marzo, la mostra prolungherà l'orario di apertura fino alle 19.
Negli interrati del palazzo palladiano sono visitabili quattro mostre dedicate a: Piero Zuccaro (“La cattedrale e la notte”), Giuseppe Puglisi (“La notte e la neve”), Matteo Massagrande (“Notti come piume”), Silvio Lacasella (“La notte e l’assenza”).
ingresso a pagamento
info: www.lineadombra.it | call center 0422 429999


venerdì 6 marzo
Medea metamorfosi - Teatro Astra - ore 21
Dal testo originale di Franca Grisoni, nasce l'adattamento teatrale curato nella regia da Patricia Zanco e Daniela Mattiuzzi. Medea Metarmorfosi universalizza l'introspezione per scavare nelle viscere di un dolore che disumanizza. Lo spettacolo è giocato sull’aspra sonorità di una lingua antica, barbara, e sulla potente ricchezza della voce di Medea, che libera nello spazio della scena tutta la rabbia del tradimento subito e della lucida vendetta. La partitura musicale arricchisce e si amalgama perfettamente all'azione scenica, accostandosi alla musicalità dell'intreccio linguistico.
biglietto: intero 12 € | ridotto 10 €
info: info@teatroastra.it | www.teatroastra.it


sabato 7 marzo
I Sabati Musicali a Palazzo Cordellina - ore 17
Palazzo Cordellina ospita il “Sabato cameristico”, concerto degli studenti del Conservatorio di musica "A. Pedrollo".
ingresso libero
info: www.consvi.it |www.bibliotecabertoliana.it
sabato 7 marzo
I Notturni per Vicenza - Palazzo Cordellina - ore 19
Gli studenti del Conservatorio di musica "A. Pedrollo" propongono una serata dal titolo Toni e colori, tra le
corde dell'Arpa nel '900, nell'ambito della rassegna “I Notturni per Vicenza”, che da marzo a maggio
proporrà sette concerti legati ai temi della mostra in Basilica Palladiana, con un repertorio di brani capaci di
evocare nel pubblico le atmosfere notturne.
ingresso libero
info: www.consvi.it |www.bibliotecabertoliana.it

sabato 7 e domenica 8 marzo
Here You Are – dalle ore 19
Ti lascio perché ho finito l'ossitocina - ore 21 - Teatro Spazio Bixio
Sabato 7 il collettivo Jennifer rosa propone la performance Here You Are. All'interno di un set fotografico allestito con luci da studio e fotocamera, un performer, immerso nel buio, si muove eseguendo una partitura scenica di forte impatto fisico, coinvolgendo direttamente il pubblico (la performance è strutturata con moduli di circa 30 minuti per 15 spettatori alla volta)
biglietto: € 8 prenotazione obbligatoria
Domenica 8 Giulia Pont presenta lo spettacolo Ti lascio perché ho finito l'ossitocina. Scritto e interpretato dalla stessa Pont, la pièce porta in scena la fine di una storia d’amore, mostrandoci il potere terapeutico del teatro.
biglietto: intero 10 € - ridotto 8 €
info: info@theama.it | tel. 0444 322525


sabato 7 marzo
Il cappello di carta (Festival Maschera d'oro 2015) – Teatro San Marco – ore 21
Il gruppo teatrale romano Ad Hoc propone per il concorso teatrale Maschera d'oro 2015 lo spettacolo Il cappello di carta di Gianni Clementi, per la regia di Roberto Bendia. La vicenda si svolge nel 1943 nella capitale, dove una famiglia riesce a sopravvivere agli orrori della guerra sfruttando la propria capacità di ironizzare su tutto. Ma ecco la realtà bussare alla porta e lo scenario cambierà radicalmente, per approdare all'emozionante finale
biglietto: intero 9,5 € - ridotto 8 €
info: www.fitaveneto.org


sabato 7 e domenica 8 marzo
Cenerentola - Teatro Comunale - ore 20.45 sabato, ore 18 domenica
La compagnia francese Malandain Ballet Biarritz, con la direzione artistica di Thierry Malandain propone l'adattamento del celebre balletto di Prokof’ev. Pur restando fedele alla drammaturgia di Cenerentola e allo spartito di Prokof’ev, il coreografo sviluppa un approccio molto personale al tema della sfortunata fanciulla e del suo riscatto. Cenerentola è il percorso di una stella che danza e Malandain ci porta sulla via della sua realizzazione che passa attraverso il dubbio, l’emarginazione, la sofferenza, la speranza, per raggiungere infine la luce.
biglietto: intero 35 € | ridotto over 65 30 € | ridotto under 30 20€
info: b iglietteria@tcvi.it | www.tcvi.it | tel. 0444 324442

mercoledì 11 marzo
Orchestra del Teatro Olimpico - Teatro Comunale - ore 20.45
Giampaolo Pretto, primo flauto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, dirige l’orchestra in questo concerto “primaverile” incentrato sulle partiture per fiati di Mozart e sulla Serenata n. 1 di Brahms, opera che conclude mirabilmente la stagione creativa giovanile del sommo compositore di Amburgo.
biglietto: intero 25 € | ridotto over 65 20 € | ridotto under 30 10,60 €
info: biglietteria@tcvi.it | segreteria@orchestraolimpico.it | www.orchestraolimpicovicenza.it

venerdì 13 e sabato 14 marzo
Cancaro ala roba! - ore 21
9841/RUKELI - Teatro Spazio Bixio - ore 21
Venerdì 13 l'associazione culturale Terracrea porta in scena un adattamento del testo di Ruzante incentrato sulla comica storia d'amore tra Ruzante e la Gnua. I due protagonisti sono quasi due poli opposti e complementari, nel loro infinito, disperato ed esilarante rincorrersi, cercarsi, senza trovare pace. Litigi, anomale dichiarazioni d’amore, fraintendimenti, inganni e scherzi sono infatti parte integrante di questa storia d'amore, curata alla regia da Giorgo Sangati.
Sabato 14 la compagnia Farmacia Zoo propone lo spettacolo 9841/RUKELI, la vicenda umana e sportiva del pugile tedesco di origine sinti Johann Trollmann detto Rukeli, che, da solo, ha osato sfidare la propaganda nazista con uno dei più geniali e potenti atti di comunicazione della storia.
biglietto: intero 10 € - ridotto 8 €
info e prenotazione: info@theama.it | www.theama.it | tel. 0444 322525

sabato 14 marzo
VOR – La quiete apparente - Teatro Comunale - ore 20,45
"VOR" è lʼacronimo di Very High Frequency Omnidirectional Radio Range, ovvero la posizione istantanea di un punto in moto nel tempo. Tale sistema utilizza la relazione tra due segnali, per codificare la direzione di chi viaggia nelle aerovie: è un linguaggio di orientamento. V O R è un dialogo visivo tra diversi elementi e la progressione della loro architettura esteriore ed interiore. È il confine tra il nostro sguardo e quello altrui.
biglietto: intero 8,60 € | ridotto over 65 5,60 € | ridotto under 30 5,60 €
info: biglietteria@tcvi.it | www.tcvi.it | tel. 0444 324442

sabato 14 marzo
I Sabati Musicali a Palazzo Cordellina - ore 17
Palazzo Cordellina ospita all’interno della rassegna “I sabati musicali” il “Sabato pianistico”, concerto degli studenti del Conservatorio di musica "Pedrollo" di Vicenza.
ingresso libero
info: www.consvi.it |www.bibliotecabertoliana.it

sabato 14 marzo
I Notturni per Vicenza - Palazzo Cordellina - ore 19
Il Conservatorio di musica "A. Pedrollo" propone una serata musicale nell'ambito della rassegna I Notturni
per Vicenza. In programma brani di vari compositori, eseguiti dagli allievi della classe di Fisarmonica del
professore D. Vendramin.
ingresso libero
info: www.consvi.it |www.bibliotecabertoliana.it

sabato 14 e domenica 15 marzo
Il suono della caduta - ore 21
Il bosco delle storie - ore 15 e ore 17 – Teatro Astra
Gli angeli intuiscono ciò che gli uomini chiamano "i sentimenti", ma non possono viverli. Conoscono i modi con cui vengono espressi, ma non i sentimenti in sé. Quello di sabato all'Astra è uno spettacolo che ci interroga sul valore della vita. Regia e scene di Antonio Viganò.
biglietto: intero 14 € - ridotto 12 €
Domenica per la rassegna Famiglie a Teatro, l'Astra ospita uno spettacolo dedicato ai più piccoli. Il bosco delle storie racconta infatti le vicende di una foresta incantata popolata da personaggi fantastici e nel quale l'uomo non ha mai messo piede. Ma quando il bosco verrà minacciato proprio dalle persone, chi lo salverà?
biglietto: intero 6,50 € - ridotto 5 € - bambini (sotto i 14 anni) 4€
info: info@teatroastra.it | www.teatroastra.it

da venerdì 13 marzo fino a martedì 2 giugno 2015
Mostra “Piero Guccione. Storie della luna e del mare” - Palazzo Chiericati
Viene aperta al pubblico venerdì 13 alle ore 18 a Palazzo Chiericati la mostra dedicata al pittore Piero Guccione. L'esposizione, curata da Marco Goldin, ideale proseguimento della personale dello spagnolo Antonio Lòpez Garcìa, si propone di indagare la produzione pittorica del pittore siciliano, attraverso 16 opere, alcune di grande formato, realizzate negli ultimi venticinque anni.
Nelle grandi tele, analizzate da Marco Goldin nell'ampia monografia che viene pubblicata in concomitanza con la mostra, il pittore spinge la sua ricerca artistica fino a raggiungere lo svuotamento stesso dell'immagine, alla ricerca dell'assoluto.
ingresso libero alla sola mostra di Piero Guccione
info: www.lineadombra.it | call center 0422 429999